FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3908701
Home » Enti » ENEA » Notizie » ENEA: per l’integrativo si continua a trattare

ENEA: per l’integrativo si continua a trattare

Aggiornato l’incontro su conto terzi, anticipo fasce stipendiali, indennità di turno.

20/01/2014
Decrease text size Increase  text size

L’incontro di trattativa del 16 gennaio 2014 riprende martedì 21. Confermate, rispetto alle precedenti considerazioni, le condizioni limitative in cui si svolge la trattativa (di fatto sono stati fatti saltare due anni, il 2011 e il 2012 per le fasce, il 2012 e 2013 per il conto terzi). Da registrare, in relazione a questo elemento di sostanziale criticità, una parziale apertura contenuta nel testo inviato già prima dell’incontro del 16 gennaio in relazione al conto terzi, per il quale si ipotizza una utilizzazione anche per il 2013. Parliamo al momento solo di ipotesi, giacché tutto viene, per la definizione degli importi disponibili, rinviato al bilancio consuntivo di aprile.
 
Nella discussione è emerso un accordo di massima per le percentuali di ripartizione tra le varie platee interessate (coloro che acquisiscono il progetto, la struttura di appartenenza, il complesso dei dipendenti). Non ci siamo ancora nella definizione degli importi dei progetti e servizi da contemplare per definire la percentuale di ripartizione tra il personale. Il contratto, in proposito, parla chiaro, e cioè che il fondo complessivo del conto terzi è la somma di tutti i singoli progetti acquisiti all’esterno.

Ad ogni singolo progetto, poi, considerato singolarmente,  vengono defalcate le spese contemplate per il personale e una quota definita per le spese generali di funzionamento.  

Invece l’ENEA vorrebbe considerare complessivamente i progetti, di modo che essi vadano a coprire prioritariamente il gap complessivo del bilancio. Solo la parte eccedente il pareggio di bilancio potrebbe essere contemplata per l’incentivo da ripartire tra il personale. Ovviamente con questo metodo salta il principio stesso del conto terzi e cioè quell'incentivo che si vuole assegnare al personale proprio per l’acquisizione di risorse aggiuntive con progetti all’esterno dell'ente.
 
Sull’adeguamento degli importi delle indennità di turno sono in corso delle verifiche tecniche. Sulle fasce la trattativa deve ancora iniziare. Si tratterà di verificare i criteri, per la loro assegnazione relativamente al 2013, ma sarebbe opportuno convenire già in anticipo anche quelli per il 2014, contemplando una vicinanza tra le due operazioni (hanno decorrenze 1.1.2013 e 1.1.2014). I criteri proposti nel testo dell’ente non garantiscono chiarezza dei meccanismi di valutazione, una chiarezza che appare ancora più essenziale viste le limitazioni delle platee  rispetto alle necessità. Occorrerà una commissione centrale senza riedizioni di “schede del capo”. Ma occorrerà anche una chiarezza dei vari sottogruppi dei titoli da considerare all’interno di un punteggio complessivo predefinito.
 
Nel corso della riunione le organizzazioni sindacali hanno reiterato la richiesta di una informazione preventiva su tutti gli aspetti assunzionali, siano essi a tempo indeterminato che determinato. Quindi la necessità di un incontro sulla materia in tempi ravvicinati.
 
Come preannunciato è stato consegnato ai sindacati un testo predisposto dall’Enea per un “codice di comportamento dei dipendenti”. Ci riserviamo una valutazione. Nel frattempo abbiamo chiesto che la consultazione, prevista come aperta dalle disposizioni in proposito, venga considerata in modo specifico con modalità on line per tutto il personale dell'Enea.
 

Altre notizie da:
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL