FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3873435
Home » Enti » ENEA » Notizie » Piano Assunzioni Enea

Piano Assunzioni Enea

La FLC CGIL esprime soddisfazione per i numeri. Auspica attenzione prima della pubblicazione dei bandi e serietà nello svolgimento delle selezioni.

26/07/2010
Decrease text size Increase  text size

I numeri prospettati dall’Enea nell’incontro del 21 luglio hanno dato ragione alla FLC CGIL che per prima ha sollecitato l’Enea ad operare per ottenere anche le autorizzazioni ad assumere sul fondo 2009.

Infatti le 181 posizioni messe a bando sono la somma dei 63 posti non coperti con i recenti scorrimenti e delle 118 posizioni che l’Enea ha stimato essere legate al fondo 2009 (derivante dai pensionamenti).

Naturalmente nulla è scontato per queste ultime posizioni, essendo l’assunzione subordinata alle autorizzazioni ministeriali, ma il dato è positivo così come lo è la creazione di graduatorie aperte. I concorsi, secondo quanto ci è stato illustrato sarà su 30 profili, per un totale di 120 laureati tecnici, 32 diplomati tecnici, 21 laureati amministrativi, 8 diplomati amministrativi. Così distribuiti per sedi:

Ad esclusione di competenze sul nucleare, il prerequisito di accesso al concorso prevede 2 anni di esperienza. A precisa domanda è stato assicurato che gli anni “eccedenti” saranno oggetto di valorizzazione.

Naturalmente perché questa valorizzazione rivesta carattere di oggettività dovrà essere inserita nei bandi, al pari dei titoli.

Le informazioni fornite al tavolo non consentono al momento di esprimere un giudizio sulla rispondenza tra professionalità presenti e attive in Enea da tempo, e congruità dei posti e dei profili per sedi. Confidiamo che i responsabili di struttura possano segnalare eventuali anomalie e che gli uffici responsabili della formulazione dei bandi mostrino la dovuta sensibilità prima della pubblicazione prevista il 30 luglio.

La FLC CGIL richiama l’attenzione di tutte le strutture coinvolte anche alla luce del fatto che l’esodo dall’Enea di quest’anno dovrebbe lasciare qualche margine di assunzioni anche sul fondo 2010, ancorché il Governo lo abbia voluto abbattere al solo 20%.

Bandi ben costruiti possono risolvere anche la questione della distribuzione territoriale dei posti “immediati” e la responsabilità di progettarli bene spetta agli uffici competenti.

E’ stato inoltre accennato al fatto che le commissioni saranno molte e numerose per consentire il rapido svolgimento degli esami (che prevedranno una prova preselettiva).

La presenza di commissari dei vari centri e delle diverse discipline, nonché regole certe di valutazione ci sembrano condizioni obbligate per omogeneizzare il trattamento di tutti i concorrenti.

I numerosi precari Enea, che attraverso il loro comitato hanno con forza manifestato il loro sconcerto per i recenti scorrimenti, sono stati determinanti con i loro positivi presidi per accelerare un piano organico di soluzioni. Ora, in relazione alle attese oggettive, ci si attende un riscontro accurato di quanto prospettato. È una occasione per l’Enea di dimostrare che il lavoro svolto e le esperienze maturate sono equamente rispettate e valorizzate. Ovviamente le questione del precariato e del reclutamento restano prioritarie per la FLC CGIL, pertanto il tavolo di confronto con l’Amministrazione deve rimanere aperto.

Altre notizie da:
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL